Spaghetti allo scoglio facili ricetta napoletana di Cannavacciuolo

Gli Spaghetti allo scoglio preparati dalla nonna prendendo spunto dalla ricetta napoletana vista in un video dello chef Cannavacciuolo sono facili da fare e dal sicuro successo, non serve andare al ristorante per assaporare un buon piatto di spaghetti allo scoglio, anzi, fatti in casa sono ancora più buoni. Si tratta di spaghetti conditi con un sugo a base di frutti di mare e pomodorini. Si può cucinare con i crostacei e molluschi a disposizione come ad esempio: gamberi, scampi, cannolicchi, cozze, vongole, moscardini, calamari, totani ecc. Insomma ci si può sbizzarrire! Quelli rappresentati nelle foto sono solo con gamberetti rossi e cozze, mentre quelli del video illustrativo li ho fatti con un calamaro verace, cozze e mazzancolle. Ti spiegherò come cucinarli anche con altri frutti di mare. La cosa fondamentale è rispettare i tempi di cottura di ogni crostaceo e mollusco per ottenere un sapore eccellente e la giusta consistenza di ogni elemento. Ti lascio qualche altra ricetta di primi piatti a base di pesci crostacei e molluschi che potrebbero esserti utili. Sono tutte facili e dal sicuro successo 👇 👇 👇
Pasta con palamita tonnetto e pomodorini (da fare anche con tonnetto alletterato, tombarello, tonno e sgombro);
Spaghetti al sugo cotti in acqua di cozze (se ti avanzassero cozze e liquido di cozze da un’impepata);
Spaghetti con acciughe sott’olio e mollica di pane alla calabrese;
Gnocchi di patate viola conditi con asparagi e vongole (puoi sfruttare il sugo a base di asparagi e vongole per condire la pasta);
Paella de marisco o marinera con la ricetta originale dello chef Rodrigo Werner De Oliveira.

Gli Spaghetti allo scoglio preparati dalla nonna prendendo spunto dalla ricetta napoletana vista in un video dello chef Cannavacciuolo sono facili da fare e dal sicuro successo, non serve andare al ristorante per assaporare un buon piatto di spaghetti allo scoglio, anzi, fatti in casa sono ancora più buoni.
  • DifficoltàBassa
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione15 Minuti
  • Tempo di cottura30 Minuti
  • Porzioni3
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana
343,71 Kcal
calorie per porzione
Info Chiudi
  • Energia 343,71 (Kcal)
  • Carboidrati 31,25 (g) di cui Zuccheri 2,05 (g)
  • Proteine 27,35 (g)
  • Grassi 12,50 (g) di cui saturi 2,18 (g)di cui insaturi 1,99 (g)
  • Fibre 2,35 (g)
  • Sodio 491,55 (mg)

Valori indicativi per una porzione di 200 g elaborati in modo automatizzato a partire dalle informazioni nutrizionali disponibili sui database CREA* e FoodData Central**. Non è un consiglio alimentare e/o nutrizionale.

* CREA Centro di ricerca Alimenti e Nutrizione: https://www.crea.gov.it/alimenti-e-nutrizione https://www.alimentinutrizione.it ** U.S. Department of Agriculture, Agricultural Research Service. FoodData Central, 2019. https://fdc.nal.usda.gov

Ingredienti

  • 210 gspaghetti quadrati
  • 238 gcozze (puoi aggiungere vongole, lupini, fasolari, tartufi)
  • 200 ggamberetti (rossi o rosa, gamberoni, scampi, mazzancolle)
  • 100 gpomodorini datterini (o ciliegini)
  • 30 golio extravergine d’oliva
  • 1 spicchioaglio
  • 7 gprezzemolo tritato

Preparazione degli Spaghetti allo scoglio facili della nonna con la ricetta napoletana di Cannavacciuolo

I molluschi bivalve che vivono nella sabbia (vongole, lupini, fasolari, tartufi, telline ecc.) vanno precedentemente spurgati di conseguenza occorre organizzarsi in anticipo o acquistarli già spurgati. Prima di iniziare a cuocere pulisci i frutti di mare che intendi utilizzare. Per le cozze, puoi seguire il procedimento che indico nelle ricette delle cozze in insalata e delle cozze gratinate al forno e illustro nel video. A gamberetti, gamberoni, scampi e mazzancolle occorre eliminare il carapace e il budello nero. Per un piatto coreografico ti consiglio di mantenere qualche crostaceo intero. Per eliminare il budello dal crostaceo intero devi solo infilare uno stecchino nella parte dorsale e tirarlo fuori. Per gli altri, elimini la testa con una lieve torsione. Quando i crostacei sono freschi se ne viene automaticamente o lo prendi con le dita e lo sfili, o, male che vada, incidi la schiena e lo elimini. Tieni le teste da parte, ti serviranno successivamente.
Nella preparazione illustrata nelle foto e video, gamberetti e cozze sono stati interamente sgusciati per poterli mangiare comodamente, ma, come ti ho detto in precedenza, per una preparazione coreografica conserva una piccola parte di crostacei e molluschi bivalve interi.
  1. Se volessi usare calamari, moscardini, totani, seppie ecc. hai due possibilità o li cuoci molto velocemente o prolunghi la cottura a seconda dei tuoi gusti. Cannavacciuolo generalmente fa una cottura velocissima, li taglia a piccoli pezzi, li condisce con sale, pepe e olio, li salta velocemente in padella molto calda fino a quando cambiano colore, poi li mette in una ciotolina, li copre con pellicola e li tiene da parte per inserirli a fine cottura.

  2. In alternativa, per sentire il mollusco più morbido in bocca, puoi seguire il mio metodo. Versi un filo d’olio in padella, vi aggiungi i gambi del prezzemolo, lo spicchio di aglio intero o tritato, fai lievemente insaporire, vi metti i molluschi tagliati in piccoli pezzi, rigiri e inserisci i pomodorini tagliati a pezzi, rigiri e aggiungi le cozze, copri con il coperchio e lascia cuocere a fuoco vivace. Non mettere mai il sale, lo stesso verrà rilasciato successivamente dai molluschi bivalve.

  3. Appena le cozze si sono aperte le togli dal sugo, le metti in un contenitore e le copri con pellicola. Se avessi altri molluschi bivalve da inserire fai come con le cozze. Li metti nel sughetto e appena si sono aperti li togli e tieni da parte. Sempre separatamente per rispettare i tempi di cottura di ogni mollusco bivalve.

  4. Fai proseguire la cottura del sugo che avrà al suo interno l’acqua eliminata dai molluschi bivalve e dagli altri molluschi prescelti con il coperchio.

  5. Sguscia i molluschi bivalve, in questo caso le cozze, e mantienine qualcuno intero per la presentazione del piatto, oppure, se ti seccasse fare questo lavoro lascia tutto con i gusci e ogni commensale se ne occuperà personalmente.

  6. Quando il sughetto sarà cotto, spremi l’interno delle teste dei crostacei prescelti (gamberetti, gamberi, mazzancolle ecc.) a cui hai eliminato il carapace. Inserisci i crostacei, prima quelli che hai lasciato interi per decorazione, appena cambiano colore li togli, poi i crostacei senza carapace, appena cambiano colore spegni il gas, aggiungi le cozze sgusciate e inserisci il prezzemolo tritato.

    Nel video illustrativo ho utilizzato delle mazzancolle che ho tolto dalla padella appena hanno cambiato colore. l’ideale è togliere subito dalla padella calda i crostacei appena cambiano colore, metterli in una ciotolina ricoperti con pellicola per tenerli in caldo e poi aggiungerli insieme ai molluschi bivalve sgusciati quando spadelli gli spaghetti. In questo modo manterranno la consistenza perfetta e non si rinsecchiranno.

  7. Cuoci gli spaghetti al dente, mi raccomando di ottima qualità, li scoli e li versi nel sughetto, li mescoli bene nel sugo (li salti in padella), aggiungi i frutti di mare che eventualmente hai tenuto interi da parte, rigiri bene e gli Spaghetti allo scoglio facili della nonna con la ricetta napoletana di Cannavacciuolo sono pronti per essere assaporati.

  8. Come ti ho detto in precedenza per una preparazione rustica puoi evitare di sgusciare i molluschi bivalve e togliere il carapace. Inserisci i crostacei interi nel sugo a fine cottura, appena cambiano colore aggiungi i molluschi bivalve precedentemente aperti e tenuti da parte, prezzemolo, aggiungi gli spaghetti, rigiri e servi, ogni commensale se ne occuperà personalmente.

Frutti di mare surgelati

Non ti consiglio di usare quei preparati a base di frutti di mare surgelati, non potresti rispettare i tempi di cottura di ogni elemento. Meglio fare un sughetto con pochi frutti di mare freschi. Uso solo il polpo congelato che mantiene i sapori anzi è più tenero e comodo per la cottura, utile per fare ad esempio: Polpo e patate in insalata saporita; Polpo in insalata in pochi minuti con la pentola a pressione; Insalata di mare; Polpo (tante ricette).

Antonino Cannavacciulo

Ho visto preparare gli Spaghetti allo scoglio dallo chef Antonino Cannavacciuolo tantissimi anni fa in un video quando non era ancora giudice di Masterchef Italia. Nella Categoria: Ricette di Antonino Cannavacciuolo troverai altre ricette tratte dai suoi libri, li ho tutti. Ti consiglio: In cucina comando io, Mettici il cuore. 50 ricette per la cucina di tutti i giorni e Il Meglio di Antonino. 127 ricette. Le sue ricette sono sempre dal sicuro successo, cosa che spesso non succede seguendo anche pedissequamente le ricette presenti in libri di altri chef affermati!

Un grandioso saluto da Nonna Picetto 🌶

Post, foto e video di Maria Grazia Trocini (Nonna Picetto 🌶)

4,8 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Nonna Picetto 🌶

Ciao, sono Maria Grazia Trocini, mamma e moglie fin da quando avevo 16 anni, nel 1983. Ti chiederai, perché Picetto? Nel 2007 desideravo iscrivermi al Forum del Gambero Rosso, unico sito per gli appassionati di vini e cucina dell'epoca, non riuscivo a trovare un nickname per poter accedere, tutti i miei tentativi risultavano vani. A quei tempi non c'era l'adsl, internet era lentissimo, quando si doveva caricare una pagina, nell'attesa, potevi farti una passeggiata, prepararti un caffè o guardare ipnotizzata quella rotellina come un'ebete. Dopo svariate prove, ho utilizzato il soprannome di mio figlio minore e, finalmente, ho ottenuto l'agognato risultato. Per il mondo virtuale rimango ancora oggi Picetto e, dato che sono diventata nonna, Nonna Picetto 🌶.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *