Carciofi ripieni di mollica e pecorino

Questa saporita ricetta dei carciofi ripieni di mollica e pecorino è molto facile da fare e, se cucinati in pentola a pressione, la loro cottura è veloce, occorrono circa 10 minuti dall’inizio del fischio. I carciofi vengono belli teneri e, grazie alla presenza della mollica di pane e pecorino, si forma un sughetto cremoso saporitissimo. Questo metodo di cottura mi è stato insegnato da Tizi, Tiziana Perna forumista del Gambero Rosso, nel 2008. La sua ricetta prevedeva come ingredienti pan grattato, acciuga, pecorino, uva passa e pinoli. Io ero curiosa di provarla e l’ho rielaborata con quello che avevo in casa ed è venuta fuori questa variante. E’ un contorno ottimo anche per il pranzo pasquale. Un ringraziamento particolare a Tiziana che mi ha consigliato questa ricetta che da anni mi dà tanta soddisfazione. Sul mio blog troverete una intera categoria dedicata alle ricette di Tizi, sono tutte favolose, facili e dal sicuro successo.

Carciofi ripieni di mollica e pecorino
  • DifficoltàMolto facile
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione15 Minuti
  • Tempo di cottura40 Minuti
  • Porzioni6
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana
226,48 Kcal
calorie per porzione
Info Chiudi
  • Energia 226,48 (Kcal)
  • Carboidrati 27,74 (g) di cui Zuccheri 2,33 (g)
  • Proteine 7,55 (g)
  • Grassi 11,21 (g) di cui saturi 2,60 (g)di cui insaturi 0,69 (g)
  • Fibre 8,72 (g)
  • Sodio 687,32 (mg)

Valori indicativi per una porzione di 200 g elaborati in modo automatizzato a partire dalle informazioni nutrizionali disponibili sui database CREA* e FoodData Central**. Non è un consiglio alimentare e/o nutrizionale.

* CREA Centro di ricerca Alimenti e Nutrizione: https://www.crea.gov.it/alimenti-e-nutrizione https://www.alimentinutrizione.it ** U.S. Department of Agriculture, Agricultural Research Service. FoodData Central, 2019. https://fdc.nal.usda.gov

Ingredienti

Oltre agli ingredienti precisati con il giusto peso occorre un limone per acidulare l’acqua in cui immergere i carciofi man mano che si puliscono.
  • 6carciofi
  • 90 gmollica
  • 10 gprezzemolo tritato
  • 1 spicchioaglio
  • 50 golio extravergine d’oliva
  • 1 pizzicosale
  • 500 gacqua
  • 40 gpecorino romano

Strumenti

Se non avete la pentola a pressione basta una normale casseruola con coperchio.
  • 1 Pentola a pressione

Preparazione

  1. Inserire nel mixer la mollica di pane raffermo con le foglioline di prezzemolo, lo spicchio d’aglio privato del germoglio interno, il pecorino romano e tritarli. Pulire i carciofi e tagliare il gambo in modo che il carciofo se poggiato su un piano resti in piedi e spellare con l’ausilio di un coltellino tutti i gambi. Man mano che li puliamo occorre metterli in una ciotola con acqua e una spruzzata di succo di limone per evitare che ossidandosi si anneriscano.  Dopo aver pulito i carciofi aprire i loro petali e inserire all’interno un pochino della panura profumata.

  2. Dopo aver versato un filo d’olio nella pentola a pressione adagiarvi i carciofi ripieni con i petali rivolti verso l’alto e riempire gli spazi vuoti con i gambi.  Spolverare superficialmente la panura aromatizzata rimasta, un pizzico di sale e versare un altro filo d’olio. Versare lateralmente l’acqua fino a metà dell’altezza dei carciofi. Mettere il coperchio alla pentola a pressione e cuocere sul fornello a fuoco  dolce.

  3. Dopo circa 20 minuti di cottura la pentola a pressione inizia a fischiare, da quel momento calcolare 8 minuti. Togliere la pentola dal fuoco, fare sfiatare dalla valvola, aprire il coperchio e controllare se i carciofi sono cotti infilando uno spiedo o uno stecchino. Se necessario rimettere il coperchio, rimetterli sul fuoco e calcolare altri due minuti. In questo momento bisogna stare attenti perché i carciofi si possono attaccare alla pentola.

  4. Il liquido non si deve assorbire completamente, la salsina che si forma è molto saporita. Se non avete la pentola a pressione potete usare una normale casseruola con coperchio, i tempi si allungheranno, ma il risultato sarà ugualmente eccezionale.

  5. I nostri carciofi ripieni di mollica e pecorino sono pronti per essere assaporati. Di seguito le foto che potrete ingrandire cliccandoci sopra.

Carciofi ripieniCarciofi ripieni

Consigli

Troverete molti consigli circa il metodo corretto per usare la pentola a pressione in questo post: Seppie con i piselli anche con la pentola a pressione in pochi minuti e anche altre ricette che prevedono l’uso della pentola a pressione.

Conservazione

I carciofi ripieni di mollica e pecorino si possono cucinare in anticipo, anche il giorno prima, sistemarli in una pirofila adatta al forno o microonde, conservarli in frigo e riscaldarli prima di servirli. Si possono anche cucinare e conservare in congelatore per due mesi. Quando servono si fanno scongelare lentamente in frigo o velocemente in forno a microonde.

Un grandioso saluto da Nonna Picetto

Post e foto di Maria Grazia Trocini

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Nonna Picetto

Ciao, sono Maria Grazia Trocini, mamma e moglie fin da quando avevo 16 anni, nel 1983. Vi chiederete, perché Picetto? Nel 2007 desideravo iscrivermi al Forum del Gambero Rosso, unico sito per gli appassionati di vini e cucina dell'epoca, non riuscivo a trovare un nickname per poter accedere, tutti i miei tentativi risultavano vani. A quei tempi non c'era l'adsl, internet era lentissimo, quando si doveva caricare una pagina, nell'attesa, potevi farti una passeggiata, prepararti un caffè o guardare ipnotizzata quella rotellina come un'ebete. Dopo svariate prove, ho utilizzato il soprannome di mio figlio minore e, finalmente, ho ottenuto l'agognato risultato. Per il mondo virtuale rimango ancora oggi Picetto e, dato che sono diventata nonna, sarò Nonna Picetto.

3 Risposte a “Carciofi ripieni di mollica e pecorino”

  1. @ Sarò:Grazie cara, vedrai che ti daranno soddisfazione, buona settimana, baciM.G.@ Alma: Ciao cara Laura, grazie per la visita. Sono pronta per il presnitz, spero di essere all'altezza, non ho mai fatto questo dolce dei miei ricordi. Un saluto affettuoso e buona settimanaM.G.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *